Giovanni Orelli

Orelli, Giovanni
© Yvonne Böhler

Giovanni Orelli, nato a Bedretto il 30 ottobre 1928, morto il 3 dicembre 2016 a Lugano, dove viveva. Narratore, poeta, traduttore e critico letterario, ha anche insegnato l'italiano al liceo di Lugano. Accanto all'opera in italiano, da segnalare l'attività di poeta (e traduttore) nel dialetto della Valle Bedretto. Nel 2012 gli è stato conferito il Gran Premio Schiller.

Bibliografia

  • Ni thym ni marjolaine. Né timo né maggiorana, traduzione di Christian Viredaz, préface de Yari Bernasconi, Chavannes-près-Renens, Empreintes, 2015.
  • Accanto a te sul pavimento. Poesie dedicate ai bambini, Novara, Interlinea, 2015.
  • Un labirinto, Lugano, ADV-Alla chiara fonte, 2015.
  • Die Brille des Gionata Lerolieff. Roman, traduzione di Maja Pflug, Bonn, Weidle, 2014.
  • Gipfel - Col - Valle. Berggeschichten / Contes des montagnes / Racconti di montagna, con Franz Hohler e Noëlle Revaz, Zürich, Limmat, 2014.
  • I mirtilli del Moléson, Torino, Aragno, 2014.
  • Frantumi, Lugano, Alla chiara fonte, 2014.
  • Fatto soltanto di voce. Poesie e traduzioni nel parlar materno della valle Bedretto, alto Ticino, Bellinzona, Messaggi Brevi, 2012.
  • Immensee. Tra Chiasso e Basilea, Bellinzona, Messaggi Brevi, 2008.
  • Walaceks Traum [Il sogno di Walacek], traduzione di Maja Pflug, Zürich, Limmat, 2008.
  • Da quaresime lontane, Bellinzona, Casagrande, 2006.
  • Un eterno imperfetto, Milano, Garzanti, 2006.
  • Concertino pour grenouilles, traduzione di Jeanclaude Berger, Genève, La Dogana, 2005.
  • Ćata mia da savéi, Lugano, Alla chiara fonte, 2004.
  • Quartine per Francesco. Un bambino in poesia, con una nota di Pietro De Marchi, Novara, Interlinea, 2004.
  • Quartine per Francesco che il 12 aprile 2003 ha tre anni, Lugano, Alla chiara fonte, 2003.
  • Farciámm da Punt a Punt. Facezie dell'Alto Ticino, Bellinzona, Messaggi Brevi, 2000.
  • Gli occhiali di Gionata Lerolieff, Roma, Donzelli, 2000.
  • Di una sirena in Parlamento, Bellinzona, Casagrande, 1999.
  • Le rêve de Walacek [Il sogno di Walacek], traduzione di Adrien Pasquali, Paris, Gallimard, 1998.
  • Le train des Italiennes [Il treno delle italiane], traduzione di Christian Viredaz, Lausanne, En bas, 1998.
  • L’albero di Lutero, Milano, Marcos y Marcos, 1998.
  • Le jeu du monopoly [Il giuoco del Monopoly], traduzione di Claude Haenggli, Lausanne, L'Âge d'Homme, 1997.
  • Né timo né maggiorana, Milano, Marcos y Marcos, 1995.
  • Il treno delle italiane, Roma, Donzelli, 1995.
  • Il sogno di Walacek, Torino, Einaudi, 1991 (Roma, 66thand2nd, 2011).
  • Concertino per rane, Bellinzona, Casagrande, 1990.
  • Monopoly [Il giuoco del Monopoly]. Roman, traduzione di Elke Büsser-Schwenn, Zürich, Ammann, 1986.
  • Sant’Antoni dai padü. Poesie in dialetto leventinese, Milano, Scheiwiller, 1986.
  • Svizzera italiana, Brescia, La Scuola, 1986.
  • L’Année de l’avalanche [L’anno della valanga], traduzione di Christian Viredaz, Lausanne, Ex Libris, 1985 (Lausanne, L'Âge d'homme, 1991).
  • Il giuoco del Monopoly, Milano, Mondadori, 1980.
  • Ein Fest im Dorf [La festa del ringraziamento]. Roman, traduzione di Renate Tietze, Einsiedeln, Benziger, 1974 (Zürich, Ex Libris, 1974).
  • La festa del ringraziamento, Milano, Mondadori, 1972 (Bellinzona, Casagrande, 1991).
  • Der lange Winter [L’anno della valanga]. Eine Erzählung aus den Tessiner Bergen, traduzione di Charlotte Birnbaum, Zürich, Rascher, 1966 (Zürich, Limmat, 2003).
  • L’anno della valanga, introduzione di Vittorio Sereni, Milano, Mondadori, 1965 (Bellinzona, Casagrande, 1991).
L'anno della valanga (Mondadori, 1965; Casagrande, 1991)
L'anno della valanga (Mondadori, 1965; Casagrande, 1991)

L'anno della valanga è uno di quei libri che nascono dal rapporto più semplice e più diretto che un autore può ancora intrattenere con la propria materia [...]. Se si pensa al panorama in cui viene a inserirsi, tra libri che accettano le regole del consumo avendo l'aria di prescinderne [...], è anche un libro abbastanza raro.

Vittorio Sereni